Nel Glossario che segue (collegato al sito: www.dottorcandido.com), sono raggruppati e descritti tutti i termini più frequenti, inerentemente alle malattie vascolari e venose.




FENOMENO DI RAYNAUD
Crisi di vasospasmo arterioso (che interrompe la circolazione) delle dita delle mani o/e dei piedi, cui segue una vasodilatazione che a sua volta termina con un ristagno di sangue venoso.

A causa di ciò le dita si colorano: prima di bianco, poi di rosso ed infine di blu.


FIBRINOGENO

Detto anche “fattore I”, è una proteina della coagulazione che segnala l’imminente
formazione del coagulo.


FIBROSI
E' una forma di degenerazione tissutale (derma, ipoderma…), consistente nell’irrigidimento dei medesimi a causa dell’infiltrazione di fibroblasti, unita alla scomparsa del collagene e delle fibre elastiche.

Un fenomeno di fibrosi cutanea del terzo inferiore compare in concomitanza dell’insufficienza venosa cronica, che sarà indispensabile trattare nei più brevi termini, affinché a sua volta non si scatenino: ipodermite, atrofia bianca od ulcere.

cartografia cartografia









FISTOLA ARTERIOVENOSA
Comunicazione anomala tra arteria e vena.

Può essere congenita, acquisita (dopo un trauma) o iatrogena.

Singola o multipla, può presentarsi in varie forme.

Se lo Specialista, valutato il problema, presume un rischio evolutivo, consiglierà la persona che ne è affetta di eliminare la fistola mediante vari sistemi, che potranno essere: l’embolizzazione, il laser o la chirurgia vascolare.


FLEBECTASIA
Dilatazione di una vena.


FLEBECTOMIA
Tecnica mini invasiva mirata all’eliminazione delle vene varicose, eseguita mediante anestesia per tumescenza.

Si utilizza un uncino e si asportano le vene senza danno, attraverso microincisioni nella pelle (inferiori a 1 mm):

Trattasi di una tecnica molto raffinata, inventata da Muller negli anni ‘50 e successivamente perfezionata nel corso degli anni, fino a raggiungere l’ottimizzazione della medesima grazie anche alla sua combinazione con altre tecniche complementari ad essa.

Necessita da parte di chi la effettua, di una conseguita manualità ed esperienza.

cartografia cartografia cartografia cartografia cartografia cartografia cartografia
















FLEBITE SUPERFICIALE
Infiammazione di una vena del circolo superficiale (safenico), che dev’essere trattata rapidamente per evitare il rischio evolutivo di flebotrombosi e conseguentemente di embolo.


FLEBOGRAFIA
Esame diagnostico-radiologico invasivo, mirato a visualizzare mediante contrasto, tutto l’albero venoso.

cartografia








FLEBOTONICO
Integratore alimentare, farmaco (tradizionale, omeopatico, omotossicologico) che nutre, tonifica e protegge i vasi (vedi bioflavonoidi).

Nessun integratore o farmaco, può far regredire la malattia venosa ma può migliorare le condizioni sintomatiche (dolore venoso) del paziente problematizzato.


FLEBOTROMBOSI
Occlusione trombotica (formazione di un coagulo, trombo) all’interno di una vena (vedi coagulo, trombosi).


FLEBOTROPO
Integratore o farmaco (tradizionale, omeopatico, omotossicologico) che migliora il drenaggio linfatico e del microcircolo.


FLEGMASIA ALBA DOLENS
Trombosi venosa completa (gravissima), che interessa tutto l’albero
venoso profondo, iliaco-femorale.


FLEGMASIA CERULEA DOLENS
Trombosi arterio-venosa completa, iliaco-femoro-popliteo (circolo profondo).

L’arto inferiore presenta un grave edema accompagnato da necrosi, con formazione di gas, dovuto ad infezione da germi anaerobici (gangrena gassosa)


FOTOPLETISMOGRAFIA
Esame medico non invasivo mirato allo studio del microcircolo, utilizzato nella diagnosi ed evoluzione della Malattia di Raynaud.


FLEBOLINFEDEDEMA
Vedere: ”edema venoso”.